giovedì 6 dicembre 2012

Fast f...ashion!

Fast fashion, meglio conosciuto come "moda mordi e fuggi", ha lo scopo di vendere prodotti che siano accessibili ma anche alla moda. Un universo parallelo e alternativo alle griffe!
Tra i brand low cost più conosciuti troviamo: Zara, H&M, Uniqlo, Forever 21, Topshop, Asos e chi più ne ha più ne metta...ma quello che non tutti sanno è che ad aggiudicarsi per prima l'etichetta del fast fashion è stata l'azienda Benetton, nata nel 1990. 
A lasciare campo libero all'impero della moda low cost è la crisi del negozio tradizionale, messo in ginocchio da una recessione che ha moltiplicato i consumatori di fascia più bassa.
Quando si pensa al fast fashion, subito ci vengono in mente capi a buon mercato copiati (diciamo la verità) dalle passerelle. E' anche un ottimo alleato che trasforma la moda in un gioco accessibile: mischiare lusso e low cost è trendy e divertente.
Certo, se da un lato il fenomeno del fast fashion ha reso democratica la moda, rendendola accessibile a tutti e consentendo di acquistare più capi con la stessa spesa di qualche anno fa, dall'altro non è stata sufficientemente monitorata sul lato etico e ambientale. Perché una t-shirt a 10,00 euro può celare un mondo di ingiustizie che, nel contesto dorato dello shopping, si fa fatica perfino ad immaginare.
Si potrebbe affermare che tutto il fast fashion è prodotto in luoghi lontani da quelli in cui il business gira e si alimenta: India, Cina, Messico, Turchia e Marocco.
Il risparmio è a monte, ma con una certa furbizia, infatti, per strizzare l’occhio ai propri adepti i brand, o meglio gli stregoni che si nascondono dietro le quinte, spingono avanti la filosofia dell’etica in modo da camuffare il made in China. 
Di certo tutti abbiamo il diritto di "essere alla moda" ma un dubbio mi sorge spontaneo: saremo capaci di controllare l'omologazione di massa ed il consumismo? 



P.s. se vi va aiutatemi ad entrare a far parte della famiglia di Grazia.it! Basta aprire questo link e cliccare su "votami". Grazie mille a tutti coloro che lo faranno.



17 commenti:

  1. Adoro il tuo blog! Mi piace il tuo post ti esprimi molto bene!
    Ti voterò! Seguimi se ti va: www.cf-fashion.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. cosa sarebbe la moda senza la fast fashion??!?bacino

    RispondiElimina
  3. Grazie per il tuo commento, ti seguo molto volentieri spero ricambierai ora vado a votarti su Grazia. Baci Marcella (sfiziesfarzimoda)

    RispondiElimina
  4. La fast fashion è indispensabile per permettere a tutti di essere sempre alla moda e con poco!!
    Baci baci

    RispondiElimina
  5. Scrivi bene brava! E' un articolo interessante!
    Ti aspetto da me,nuovo post.
    Nicole
    The pink bow

    RispondiElimina
  6. Davvero un bel post! :) Complimenti!

    p.s. ti seguo con google friend connect adesso!! Se ti va passa da me e, se ti piace il mio blog, ricambia! Mi farebbe molto piacere!! Ti aspetto! Un bacione!

    Babi
    www.voguebuster.net

    RispondiElimina
  7. Hai ragione, quando compro una maglietta a 10€ mi faccio sempre tante domande. Sto cercando di fare acquisti sempre più consapevole, però sono sicura che anche una tee a 100€ nasconde tante cose e forse proprio le stesse.
    NEW POST_Cheap and Glamour

    RispondiElimina
  8. Eh sì, hai proprio ragione! E' una tristezza infinita!! Dovresti vedermi quando faccio shopping (le rare volte visto che potrei aprirmi un negozio per quante cose possiedo!), sembro un mercante di tessuti xD Tocco tutto ciò che mi capita davanti prima ancora di vedere il prezzo; dopo di che valuto la qualità-prezzo e arrivo alla conclusione che più frequentemente ci propinano cose dozzinali e scadenti!! E noi cosa facciamo? Compriamo, compriamo e compriamo!

    RispondiElimina
  9. Ahah quanto è vero... mi trovo spesso a testare tessuti, dettagli... e sempre più spesso noto la scadente qualità e la sartorialità assente in moltissimi capi...

    Xoxo

    G.

    http://georgefashiondreamworld.blogspot.it/

    RispondiElimina
  10. Non l'avevo davvero mia vista in questo modo effettivamente la domanda che ti è sorta è più che giustificata!! Ormai si va sempre alla ricerca del capo che costa poco, senza tenere conto della qualità del prodotto che viene venduto!!
    Per fare un esempio, più volte ho notato capi da H&M la cui qualità era davvero bassa, la stessa cosa l'ho vista qualche volta da Zara, che io reputo a volte molto cara per i capi che vende!!


    Greta

    NEW POST!

    Follow me on IL FILO DI PENELOPE
    Facebook
    Twitter
    Bloglovin'

    RispondiElimina
  11. vero, hai perfettamente ragione!baci

    RispondiElimina
  12. Ottimo post! Hai un modo di scrivere che mi piace molto!!
    Grazie poi per la visita! Mi fa davvero piacere seguirci a vicenda!
    Sono tua followers su gfc e facebook :) Ti aspetto da me ^^

    DISCOVERING TREND <3
    Facebook D.T. <3

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutte, vi seguo molto volentieri!

    RispondiElimina
  14. Non mi e' mai piaciuto il fast/fashion.
    Se si ha poca disponibilta'economica trovo il vintage una soluzione meno massificata e qualitativamente molto piu' alta, ovvio bisogna saper scegliere.. ed avere gusto.
    Cosa rara, in un mondo omologato.
    Bello il tuo post!

    Ambra

    RispondiElimina